Choose your language

Writing does not go into exile

Published on 17 November 2020

pointe bulle rose

Thousands of students from schools in 15 Italian cities were the protagonists of “La scrittura non va in esilio” (Writing does not go into exile), the award ceremony for the literary contests promoted by Centro Astalli, realized in collaboration with Rai Cultura (media partner of the event). An event dedicated to culture, books, education and school as pathways for a society of solidarity and inclusive of diversity.

 

Camillo Ripamonti, Giovanni Maria Flick, Gherardo Colombo, Angela Caponnetto, Danielle Frédérique Madam intervened to celebrate the winners of the XIV edition of the literary contest “La scrittura non va in esilio” reserved for high schools and of the VI edition of the literary contest “Scriviamo a colori” for middle schools. Giovanni Anversa, Rai journalist, introduced them. The morning was enriched by the music of Saba Anglana and Djelem do Mar.

 

For this event, Massimo Wertmuller interpretated the poetry “Fosse giganti”, by Elisa Fraschetti Giolito, a student of Liceo Tito Lucrezio Caro based in Rome and special mention of the jury “La scrittura non va in esilio”.

 

The tale “Storia di Bashiir”, by Maria Alexandra Falcaru, Liceo Antonio Meucci based in Aprilia (LT), first position in “La scrittura non va in esilio”, was interpretated by Valerio Mastandrea.

 

The winners received as prize books offered by Centro per il Libro e la Lettura (Ministero per i Beni e le Attività Culturali), Editori Laterza, Sinnos Editrice and the RAI RADIO 3 programme “Fahrenheit”.

 

The event also promoted the title of school as friend of refugees and the Student Ambassadors Programme, part of the European project CHANGE. These awards have been adressed to the schools that have promoted initiatives of awareness raising and active citizenship with the aim of creating welcoming societies.

 

Italian version

La scrittura non va in esilio

Migliaia di studenti delle scuole di 15 città italiane sono stati i protagonisti de “La scrittura non va in esilio”, premiazione dei concorsi letterari promossi dal Centro Astalli, realizzato in collaborazione con Rai Cultura (Media Partner della manifestazione). Un evento dedicato alla cultura, ai libri, all’educazione e alla scuola come vie per una società solidale e inclusiva delle diversità.

 

Per celebrare gli studenti vincitori della XIV edizione del concorso letterario “La scrittura non va in esilio” riservato alle scuole medie superiori e della VI edizione del concorso letterario “Scriviamo a colori” per le scuole medie inferiori, sono intervenuti P. Camillo Ripamonti, Giovanni Maria Flick, Gherardo Colombo, Angela Caponnetto, Danielle Frédérique Madam. A introdurli Giovanni Anversa, giornalista Rai. Hanno arricchito la mattinata le musiche di Saba Anglana e Djelem do Mar.

 

Per l’occasione Massimo Wertmuller ha intrepretato la poesia “Fosse giganti” di Elisa Fraschetti Giolito, studentessa del Liceo Tito Lucrezio Caro di Roma, menzione speciale della giuria de “La scrittura non va in esilio”.

 

Il racconto “Storia d Bashiir”, di Maria Alexandra Falcaru, del Liceo Antonio Meucci di Aprilia (LT), prima classificata de “La scrittura non va in esilio”, ha preso vita attraverso la voce di Valerio Mastandrea.

 

I vincitori hanno ricevuto in premio zaini di libri offerti dal Centro per il Libro e la Lettura del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, Editori Laterza, Sinnos Editrice e il programma Fahrenheit di Rai Radio 3.

 

L’evento è stata anche l’occasione per riconoscere il titolo di Scuola amica dei rifugiati e di Student Ambassadors Programme del progetto europeo CHANGE agli istituti che hanno promosso iniziative di sensibilizzazione e di cittadinanza attiva realizzate dagli studenti con l’obiettivo di creare una società più giusta, più aperta e più accogliente.


Country : Italy

Language(s) : English, Italian

Author(s) :

2019 - A l'Encre Bleue